Esperienze

In questa pagina, come in uno di quei libri aperti che si trovano in musei o luoghi sacri, lascio a voi la parola. Ospiti o amici, pazienti o colleghi, passanti o conoscenti.

Lasciate un messaggio qua sotto, fatelo con speranza, amore e gentilezza.

Vi sono anticipatamente grato, prima di tutto per essere entrati nella mia vita, fosse anche con un solo sguardo o una stretta di mano. Vi porto tutti nel cuore. Perché:

Noi esistiamo solamente
all’interno di una Relazione.
Una Relazione può solo iniziare,
perché una volta intrapresa

lascia un segno indelebile
nelle nostre esistenze.

Pier Luigi Masini

Image by Anja from Pixabay
Facebook Comments

2 pensieri su “Esperienze

  1. Questo percorso, che ormai porto avanti da diverso tempo con l’amico e dott. Pierluigi Masini, mi è stato molto utile e l’ho sentito davvero arricchente. Per questo è un piacere raccontare solo alcuni aspetti che mi hanno destato interesse, tra i tanti che si potrebbero dire, e che potranno forse aiutare altri ad iniziare questo cammino iniziatico nel gruppo “Obiettivo benessere globale”.
    Anzitutto la dimensione dell’accoglienza e accettazione di se stessi così come siamo: questo aspetto, sempre evidenziato agli inizi degli incontri mi ha aiutato a mettermi molto più in pace con il mio io.
    Poi la conoscenza che diventa maggiore coscienza profonda dei pensieri: tanti sono le idee, i giudizi, le paure … che mi attraversano e il più delle volte mi dominano. Un ammorbidimento e un lasciare andare questi automatismi mi ha permesso di riscoprire un io più libero e vero.
    Il lavoro in autonomia: la possibilità di sperimentare da soli, a casa … queste pratiche mi ha consentito di personalizzarli di più, di richiamarle lungo la settimana, di adattarle nei tempi e nelle modalità alle mie esigenze.
    La bella integrazione tra diverse dimensioni della persona: lavoro sul corpo, sulla mente e collegamento anche con la dimensione spirituale ha dato una profondità, unità e apertura alla pratica che mi ha commosso e stupito positivamente, unendo aspetti presenti nella mia storia personale.
    Il gruppo: E’ una forza notevole non sentirsi soli, condividere le stesse fatiche e le stesse ansie, gli stessi
    successi e le stesse cadute o ostacoli. Le esperienze personali che scaturivano dalle meditazioni, messe in
    comune nel piccolo gruppo, sono state per me energia vitale, conforto costante.
    Infine la guida di Pier Luigi: si vede che tu per primo mediti e pratichi con assiduità non sentendoti arrivato
    o avanti o sopra il gruppo. Sei con noi sulla stessa barca per remare con noi . Fedele (pur nella fatica), calmo, preparato e lucido nelle spiegazioni sei al contempo capace di accogliere e lasciare andare nel gruppo le persone che di volta in volta arrivano o partono.
    Queste poche parole possono solo far balenare la ricchezza dell’esperienza diretta che è molto superiore.
    Gianluca Ricci 03-07-2020

  2. È stato davvero un felice incontro!
    Mi sono avvicinata a questo gruppo con cautela senza comprendere in fondo cosa prevedeva. Non capivo il ‘benessere globale’; perche’ non
    utilizzare il termine meditazione?
    Perché posso imparare o tendere ad acquisire, la consapevolezza del corpo – con piccoli ed efficaci esercizi fisici-, l’ascolto del sentire, del recepire, del fluire.
    Pensare ad ogni singolo respiro come ad un dono vitale genera già di per se’ sorriso e benessere e aiuta a lasciare andare pensieri ricorrenti e svuotanti; la lucidità mentale che ne deriva è nuova energia, è un nuovo osservare, e’ sempre una nuova scoperta. Abbandonando il giudizio, abbandono tensioni fisiche ed emotive, mi accetto e mi coccolo pure, e scopro, e mi apro alla quotidianità alla vita alle persone di sempre. Esiste un approccio più umano, più naturale, più sereno, più vero di vivere e ringrazio PierLuigi Masini per la sua costanza, per l’opportunità, per avermi indicato una via. Eh certo, ‘tutte le vie conducono a Roma’ (sempre e quando ci si voglia andare) e non mi è dato sapere quanti ostacoli o inerzia troverò e avrò, non so se ci arriverò mai ma allenarmi mi avvicina e mi fa stare bene.
    Vorrei umiltà e determinazione sufficienti ad apprendere da “l’arte dei piccoli passi”, da “l’arte dell’attesa” e poi ricordare sempre che “la difficoltà maggiore della pratica meditativa e’ l’idea stessa, l’aspettativa, la pretesa”
    Decisamente un progetto ambizioso 😄🌈🦋🙏
    Grazie ancora ed ancora a Pier Luigi e a quanti condividono e impreziosiscono questo cammino.
    Tamara Casetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *