COME GESTIRE L’ISOLAMENTO DOMICILIARE IN CASO DI COVID

Riporto qui le informazioni che si riceveranno via mail dal Dipartimento di Sanità Pubblica, in quanto ci sono notevoli ritardi per via del grande numero di casi covid.

RACCOMANDAZIONI PER IL RICOVERO DOMICILIARE FIDUCIARIO

Posizionamento e contatti della persona in isolamento

Dedicare al malato una stanza singola ben ventilata e, se possibile, un bagno. Gli altri membri della famiglia devono stare in stanze diverse.

Individuare un numero ristretto di persone che assisteranno il malato ed evitare visite.

Il malato deve indossare la mascherina ben aderente al viso ogni volta che esce dalla stanza di isolamento o che entra in contatto con le persone che lo assistono.

Ridurre al massimo la condivisione degli spazi comuni (cucina, bagno, ecc…) e garantire che siano ben ventilati (ad es. tenere le finestre aperte).

Chi assiste il malato deve indossare la mascherina e i guanti quando si trova con lui nella stessa stanza e deve mantenere una distanza di almeno 1-2 metri

Le mascherine non devono essere toccate o manipolate durante l’uso. Se la mascherina si bagna o si sporca di secrezioni, deve essere cambiata immediatamente. Dopo l’uso deve essere eliminata e deve essere eseguita l’igiene delle mani.

Igiene delle mani

Eseguire l’igiene delle mani dopo ogni contatto con il malato o il suo ambiente circostante. L’igiene delle mani deve essere eseguita anche prima e dopo la preparazione di cibo, prima di mangiare, dopo aver usato il bagno e ogni volta che le mani sembrano sporche.

Se le mani non sono visibilmente sporche, utilizzare il gel a base di alcool eseguendo sfregamento delle mani. Eseguire l’igiene delle mani usando sapone e acqua quando le mani sono visibilmente sporche.

Quando si usa acqua e sapone, utilizzare asciugamani di carta usa e getta. Se non è possibile, usare un asciugamano pulito e sostituirlo quando diventa bagnato.

Igiene respiratoria

Tutti i membri della famiglia devono praticare l’igiene respiratoria: coprire la bocca e il naso durante tosse e starnuti con mascherina chirurgica, con fazzoletti di carta o con il gomito ed in seguito, ogni volta, eseguire l’igiene delle mani.

 Se il malato o i conviventi devono soffiarsi il naso devono utilizzare fazzoletti di carta, gettarli dopo l’uso e poi praticare l’igiene delle mani.

Preparazione e consumo dei pasti

Anche il consumo dei pasti dell’ammalato deve avvenire nella stanza a lui dedicata. Lasciare i pasti davanti alla porta evitando di entrare nella stanza.

Le stoviglie usate dall’ammalato possono essere lavate con acqua e sapone per i piatti e possono essere riutilizzate.

Evitare il contatto diretto con i fluidi corporei del malato, in particolare secrezioni respiratorie o altri liquidi biologici (urine, feci, sangue, saliva, ecc…)

Utilizzare guanti mono uso per fornire assistenza all’ammalato. Eseguire l’igiene delle mani prima e dopo aver rimosso i guanti.

Rifiuti

Guanti, tessuti, maschere e altri rifiuti generati dai malati e da chi li assiste devono essere collocati in contenitori dedicati e chiusi nella stanza del malato prima dello smaltimento con i rifiuti indifferenziati.

Utilizzare due o tre sacchetti possibilmente resistenti (uno dentro l’altro) all’interno del contenitore utilizzato per la raccolta indifferenziata, se possibile a pedale.

  Indossando guanti monouso chiudere bene i sacchetti senza schiacciarli con le mani utilizzando dei lacci di chiusura o nastro adesivo. Una volta chiusi i sacchetti, i guanti usati vanno gettati nei nuovi sacchetti preparati per la raccolta indifferenziata (due o tre sacchetti possibilmente resistenti, uno dentro l’altro). Subito dopo lavare le mani.

Gli animali da compagnia non devono accedere al locale in cui sono presenti i sacchetti dei rifiuti.

Pulizia locali e biancheria

Quando le condizioni della persona ammalata lo consentono, lasciare che svolga autonomamente le pulizie dei locali di isolamento per ridurre l’esposizione di altre persone al virus. Quando questo non è possibile, le pulizie devono essere svolte con mascherina, guanti e indumenti protettivi (es. grembiuli di plastica).

Pulire e disinfettare quotidianamente le superfici più frequentemente toccate come comodini, testate del letto, maniglie delle porte, scrivanie e altri mobili con un normale disinfettante domestico contenente soluzione di candeggina diluita 0,1-0,5% o a base di alcol al 70%. Durante le pulizie è necessario indossare guanti e indumenti protettivi (es. grembiuli di plastica). Particolare attenzione deve essere posta anche alla pulizia di tablet, telefonini e tastiere utilizzati dall’ammalato.

Pulire e disinfettare le superfici del bagno e della toilette almeno una volta al giorno e dopo ogni utilizzo da parte del malato con un normale disinfettante domestico contenente una soluzione di candeggina diluita allo 0,1-0,5% o a base di alcol al 70%.

Dopo l’uso del WC chiudere sempre con la tavoletta prima di azionare lo scarico, per evitare aerosol.

Posizionare la biancheria usata dall’ammalato (lenzuola, asciugamani, vestiti) in un sacchetto chiuso. Non agitare la biancheria sporca ed evitare il contatto diretto della pelle e dei vestiti con la biancheria dell’ammalato. Durante la manipolazione della biancheria è necessario indossare mascherina, guanti e indumenti protettivi (es. grembiuli di plastica).

Pulire vestiti, lenzuola, asciugamani e teli da bagno che utilizzano le persone ammalate in lavatrice a 60-90°C con un detersivo di uso comune e asciugare accuratamente. Se i tessuti non possono essere trattati ad alte temperature, è possibile utilizzare detergenti disinfettanti a base di candeggina.

Se non vengono utilizzati guanti monouso, questi possono essere puliti con acqua e sapone e disinfettati con detergenti contenenti candeggina prima di un nuovo utilizzo.

Assistenza medica

Il Medico di Medicina generale/Pediatra di libera scelta sono i vostri riferimenti per l’assistenza medica della persona ammalata.

In presenza di difficoltà respiratorie o peggioramento dei sintomi, contattare il 118.

Facebook Comments