VACCINAZIONI 2021 (antinfluenzale, antipneumococcica, terza dose anticovid)

Gentilissimi, alcune informazioni riguardanti i vaccini. Andate alle pagine specifiche per conoscere chi ha indicazione a vaccinarsi e altre informazioni.

1. ANTINFLUENZALE

Dal 25 ottobre 2021 sarà possibile effettuare la vaccinazione antinfluenzale presso l’ambulatorio, ma inizieremo (per disponibilità di tipologia di vaccino) per le persone dai 75 anni in su o dai 65 anni con patologie croniche. Le persone anziane che normalmente vengono viste da me al domicilio verranno contattate entro 30 giorni circa e mi recherò personalmente per somministrare il vaccino. Farò sapere appena disponibili i vaccini anche per chi ha meno di 65 anni. Per prendere appuntamento (al fine di evitare assembramenti) vi prego di contattare la segreteria allo 0541670935 (dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19).

A questa pagina tutte le informazioni sulla vaccinazione antinfluenzale (per chi è indicata e proposta).

2. ANTIPNEUMOCOCCICA

La vaccinazione antipneumococcica è indicata per prevenire le polmoniti gravi. Viene proposta per le persone che hanno specifiche condizioni di rischio e a coloro che quest’anno compiono 65 anni (nati nel 1956).

Questa vaccinazione prevede anche un secondo vaccino (diverso dal primo per allargare la protezione immunitaria a più ceppi di pneumococco) per chi l’ha fatto l’anno scorso (nati nel 1955), poi non viene più ripetuto (salvo casi particolari).

Chi non l’avesse fatto in passato può recuperarlo (mutuabile per i nati dal 1952 in poi).

Questa vaccinazione può essere somministrata contemporaneamente a quella antinfluenzale. Non è necessario che sia passato un anno dalla precedente (bastano 8 settimane).

Prendere appuntamento sempre allo 0541670935 (dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19).

A questa pagina tutte le informazioni sulla vaccinazione antipneumococcica (per chi è indicata e consigliata).


3. TERZA DOSE ANTICOVID

Per i pazienti del nostro poliambulatorio la terza dose del vaccino per il coronavirus verrà effettuata solo presso le sedi AUSL (o al domicilio per chi non è in grado di muoversi ma sempre su organizzazione AUSL), quindi nel caso dovrete prendere appuntamento presso il centro vaccinale attraverso il CUP o in farmacia.

A questa pagina tutte le informazioni sulla terza dose anticovid.

Meditazione: tecnica di rilassamento o esperienza interiore?

La meditazione viene spesso proposta e interpretata come una tecnica di rilassamento, di allentamento dei pensieri, di riduzione dello stress… tutti effetti che sappiamo esserci, ma che in realtà sono secondari. Il rischio è di “usare” la meditazione come un rimedio che poi non cambia nulla nella realtà della nostra vita. Siamo stressati, meditiamo rilassandoci, poi torniamo alla vita di prima: frenetica, basata sul fare, frivola, contratta… quindi sentiamo di nuovo che è venuto il momento di meditare un pochino, perché stiamo giungendo al limite. Sciogliamo leggermente la tensione e… via! Si riparte allo stesso modo, magari anche più efficienti di prima.

La meditazione invece è un’esperienza che ci può portare nel profondo di noi stessi e sentire ciò che non ascoltiamo mai, accoglierlo, curarlo, fino a sviluppare una visione nuova delle cose, della vita e di noi stessi. Questo porta a rilassarsi molto, perché non siamo minimamente abituati ad ascoltare quel grido che dal profondo ce lo richiede. La visione nuova di cui parlo può avere molte sfumature, ognuno è chiamato a scoprirle.

Lo stress si riduce se iniziamo a capire che la stragrande maggioranza delle nostre energie è spesa per “fare delle cose”, che spesso hanno un dubbio valore, finalizzate a mantenere il nostro status, inteso più che altro come immagine che ci siamo costruiti per piacere agli altri, per sentirci giusti, per non essere attaccati e giudicati. Non fatichiamo per essere ciò che siamo, ma per cercare di raggiungere ciò che crediamo sia corretto, accettabile, utile, e così via, spesso in un percorso che non può avere un reale esito, in quanto irraggiungibile e autodistruttivo.

Nella meditazione possiamo invece scoprire la nostra vera essenza: si tratta di qualcosa di molto più semplice, libero, gioioso e vivace. E’ la vita, così com’è, così come Dio l’ha fatta. Scopriamo che la vita è bella, intelligente e leggera. E tutto il resto è di più. Il nostro cuore si centra su questa esperienza e si alleggerisce molto, aprendo le nostre interiorità al grande mistero dell’esistenza, alla pura spiritualità. Tutto può assumere un valore nuovo. Perché è lasciando andare tutto che si può sentire il senso del Tutto.

“Dov’è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore” (Lc 12,34)

Pier Luigi Masini

Darsi Salute: Il messaggio della malattia

– Circa sei anni fa è stato gravemente malato. Questa dura prova le ha insegnato qualcosa di nuovo su se stesso?

[…] Questa malattia mi ha indotto a chiedermi dove avessi superato la mia “misura”. Non credevo di lavorare troppo, ma il mio corpo mi ha dato una lezione. Da allora cerco di ascoltarlo maggiormente. I miei confratelli mi mandarono in ospedale uno dei miei libri, “La salute come compito spirituale”: questo dapprima mi ha fatto inquietare, ma poi ho capito che dovevo essere più attento ai suggerimenti sussurrati dal mio cuore.

– Che cosa ci dicono questi impulsi del corpo? Quand’è possibile percepirli e come vanno interpretati?

Quando sono teso il mio corpo mi vuole dire che non sto bene interiormente. I dolori alla schiena, viceversa, possono farmi capire che sto reprimendo i miei sentimenti. Il mio corpo mi ricorda quindi cose che ho trascurato, perciò devo essergli grato di queste reazioni. Dovrei pensare meno alla causa della malattia e più al suo senso. La malattia contiene sempre un messaggio: o devo cercare una nuova misura (magari nel lavoro), o devo farla finita con la superficialità (ed eventualmente con una vita di successo) e scoprire la profondità della mia anima.

Anselm Grun, La cura dell’anima (ed. Paoline, 7a ed. 2017, edizione italiana a cura di Marco Guzzi, pag. 76)

DarsiSalute su Facebook: https://www.facebook.com/DarsiSalute/

Caro dottor Google

Caro dottor Google,

è un tuo collega che ti scrive. Considerata la tua vastissima conoscenza in materia medica, che spazia in tutte le specializzazioni e le problematiche di salute, sempre più persone si stanno rivolgendo a te per ottenere consulti e informazioni riguardanti i loro sintomi, esami, patologie, o timori legati alla propria salute.

Sei davvero il dottore con più conoscenze che esista e il più consultato al mondo. Conosci a memoria tutti i trattati di medicina, gli articoli scientifici, i bugiardini dei farmaci e le ultime notizie su qualsiasi argomento. Nessuno può eguagliarti in questo, e quando ti viene posta una domanda qualsiasi rispondi in meno di un secondo.

Noi umani spesso invece abbiamo bisogno di studiare, ripassare, aggiornarci, e continuamente rivedere tutte le informazioni che ci competono, che non sono nemmeno un centesimo di quelle che conosci tu.

È davvero apprezzabile la gratuità con cui elargisci grandi quantitativi di conoscenze, ai quali non poni limiti ne restrizioni ne filtri. Le persone spesso vengono da me dopo un tuo consulto e hanno già tantissime informazioni riguardanti i risultati dei loro esami fuori norma, possibili significati dei loro sintomi e ipotetiche diagnosi. Se devo essere sincero anch’io a volte ti consulto e mi sei di aiuto nel trovare le risposte che cerco.

C’è un problema però, ed è per questo che ho deciso, dopo averci pensato per anni, di scriverti questa lettera. Tu spiattelli dati e informazioni senza alcun riguardo. Per un mal di testa tu rispondi che potrebbe essere un tumore cerebrale, una lieve alterazione (spesso non rilevante) degli esami del sangue è potenzialmente una leucemia. Le persone si spaventano ed entrano in panico, poi sta a me e agli altri colleghi che utilizzano il cervello, e non un database, rassicurare, raddrizzare il tiro, trovare modo di riportarle alla realtà.

Poi spesso fornisci informazioni proprio sbagliate, che possono anche dare false rassicurazioni ed allontanare dalle cure più opportune chi ingenuamente pensa di potersi fidare di te. Dai voce a personaggi che amano inventare bugie (fake news) o rivedere la realtà sotto lenti distorte (come complottisti ed estremisti), in altri casi l’ordine dei risultati non pare dare risalto a ciò che è più utile per la ricerca, ma sembra favorire chi ci sa fare meglio fare con la comunicazione, o addirittura paga di più per stare “in prima fila”.

Le persone hanno bisogno di informazioni commisurate alla loro condizione e alle loro capacità di comprenderle, anche in senso emotivo. Le persone hanno bisogno di essere visitate, ascoltate, guardate e considerate… persone.

Ma tu non hai un cuore collegato al cervello, e non puoi fare tutto questo. Perché non è “sapere tutto” che salva, ma “sapere le cose giuste” e soprattutto “metterle al posto giusto” che porta a dare il meglio per la cura di chi ne ha bisogno. La maggior parte delle persone non è in grado di comprendere pienamente ciò che proponi loro nelle tue esuberanti consulenze, spesso quelle informazioni sono difficili da interpretare e adattare alla persona che si ha davanti anche per chi ha studiato con fatica almeno 7-8 anni per laurearsi, dai 3 ai 6 per specializzarsi e continua a farlo per tutta la vita.

Fare il medico è un mestiere altamente complesso, fatto di attenzione, conoscenza, umanità, competenza, esperienza, etica, compromesso, fiducia, sensibilità, e molte altre caratteristiche che tu non puoi avere. Mi raccomando, ricordalo sempre a tutti: non sei un dottore vero, contieni solo tante informazioni, che molto spesso, se utilizzate impropriamente, diventano sbagliate e pericolose.

Pier Luigi Masini

La consapevolezza può migliorare la nostra salute?

Consapevolezza significa conoscere me stesso. Sapere cosa sta succedendo in me, quindi come sto, e magari anche perché sto così, cioè cosa mi sta disturbando, qual è il processo che mi porta a soffrire.

La strada della consapevolezza dura tutta la vita, ma può anche non realizzarsi quando non ci ascoltiamo, non ci mettiamo in discussione e perdiamo ogni possibilità di crescere e approfondire il nostro rapporto con la Vita.

Di mestiere faccio il medico e incontro quindi tante persone che non stanno bene. Cerco di interessarmi a loro, ma talvolta percepisco che loro non si interessano a se stesse. Ma non lo sanno.

Credono che il curarsi significhi andare dal dottore. Mi dispiace molto, perché il dottore può fare solo una piccola parte e quella grossa la fa la persona stessa da curare. Quando chiedo come va la vita in generale, di solito le risposte non sono positive: abbiamo tutti un sacco di problemi!

Ma le persone vengono da me per un malanno fisico e non fanno alcun collegamento con quanto vivono nella vita sotto l’aspetto interiore. Sono frustrate, stanche e sofferenti, conducono vite sregolate sotto l’aspetto alimentare, del sonno, delle relazioni, del lavoro. Eppure si lamentano pretendendo cure miracolose che risolvano i loro dolori o problemi fisici.

Quando non trovo altre motivazioni e tento un collegamento, ad esempio un periodo di stress o uno stravizio ed aumento di pressione arteriosa o un mal di pancia, a volte ricevo risposte del tipo: “davvero? non ci avevo mai pensato”.

Bene, l’importante è iniziare.

Pier Luigi Masini

Il dott. Masini sarà in ferie dal 23 al 27 agosto

Gentilissimi,
sarò in ferie dal 23 al 27 agosto. In quei giorni, per le necessità più urgenti prego di rivolgervi agli altri medici del poliambulatorio di Villa Verucchio, chiamando prima allo 0541 670935.
Se c’è qualche bisogno importante fatemi sapere prima.
Anche durante i giorni di ferie potete rivolgervi alla segretaria (sempre allo 0541 670935) per fissare eventuali appuntamenti o prescrivere i farmaci che assumete cronicamente.

Attivazione del nuovo centralino presso il Poliambulatorio e nuovi orari di Segreteria


Gentilissimi, sono molto contento di informarvi riguardo alcune importanti novità organizzative per il nostro poliambulatorio.

1. ATTIVAZIONE NUOVO CENTRALINO

Il 7 luglio verrà attivato il nuovo centralino e saranno aggiunte linee telefoniche al nostro poliambulatorio. Speriamo quindi che il nostro telefono diventi più gestibile rispetto ad ora. Il numero telefonico dello studio rimarrà invariato (0541 670935).

NB: QUEL GIORNO POTREBBERO ESSERCI DEI DISSERVIZI LEGATI AL PASSAGGIO A NUOVA GESTIONE TELEFONICA (ricordo che io sarò in ferie la prossima settimana).

Il numero da premere per parlare direttamente con me quando non è presente la segretaria, o non riesce a rispondere, rimarrà ‘1’.  Premendo il tasto ‘9’ sarà possibile avere le informazioni riguardanti i medici (orari di ricevimento e altre modalità di contatto). Quando è presente la segretaria, di norma, risponde alle telefonate. Può ricevere richieste di ricette, messaggi, dare appuntamenti, oppure passare la chiamata al medico se necessario. Le telefonate sono tantissime e vi prego di utilizzare con attenzione questo importante mezzo di comunicazione con noi medici perché è di norma impossibile rispondere a tutte le chiamate. Quindi anche se spero troverete meno difficoltà a chiamare, non significa che riusciremo ad essere sempre disponibili a rispondere. Quando possibile utilizzate questa mail e attendete con pazienza la risposta. In genere riesco a rispondere solo alcune ore dopo, in caso di richieste non urgenti potrei rispondere il giorno successivo. Se lo ritenete opportuno scrivete “URGENTE” nell’oggetto della mail e la guarderò prioritariamente. Vi prego di non chiamarmi al cellulare durante l’orario di ambulatorio o se trovate occupato, in quanto complica ulteriormente la gestione dei numerosissimi contatti giornalieri.

2. NUOVA SEGRETARIA E NUOVI ORARI DI SEGRETERIA

Altra importante novità sta negli orari di segreteria, oltre all’infermiera Alessandra ha iniziato a collaborare con noi anche una nuova segretaria di nome Ilaria, per cui il nuovo orario è il seguente:

dal LUNEDI al VENERDI, al mattino dalle 9.30 alle 12.30, al pomeriggio dalle 15.30 alle 19.

Cordiali saluti

dott. Pier Luigi Masini

Il dott. Masini sarà in ferie dal 5 al 11 luglio 2021


Gentilissimi,
sarò in ferie dal 5 al 9 luglio. In quei giorni, per le necessità più urgenti prego di rivolgervi agli altri medici del poliambulatorio di Villa Verucchio, chiamando prima allo 0541 670935.
Se c’è qualche bisogno importante fatemi sapere prima.
Anche durante i giorni di ferie potete rivolgervi alla segretaria (sempre allo 0541 670935) per fissare eventuali appuntamenti o prescrivere i farmaci che assumete cronicamente.
Cordiali saluti

dott. Pier Luigi Masini

Possibili problematiche post-vaccinazione COVID

A seguito del precedente articolo aggiungo qualche altra risposta alle domande più frequenti riguardo i possibili effetti collaterali da vaccinazione COVID.

  1. SINTOMI POST-VACCINO: dopo il vaccino è normale avere qualche sintomo, sebbene non tutti ne abbiano. Dipende dalla reattività di ognuno, come nel caso di un’infezione influenzale o nello stesso COVID. In genere tutto si risolve entro 1 o 2 giorni, ma può rimanere un lieve malessere per qualche altro giorno. Il fatto di avere febbre è segno di attivazione della risposta immunitaria che serve per produrre i linfociti e gli anticorpi che proteggeranno da una eventuale infezione. Gli altri sintomi (mal di testa, dolore muscolare, ecc.) sono correlati a questa reazione dell’organismo. Per ridurre questi sintomi può essere assunto fino a 2-3 volte al giorno paracetamolo 500 mg per ridurre la febbre, o anche 1000 mg se ci sono sintomi intensi, ma che dovranno risolversi entro 1-2 giorni. In alternativa si può utilizzare un antinfiammatorio da banco a stomaco pieno (es. ketoprofene, ibuprofene, ecc.). Ovviamente non vanno mai assunti farmaci che hanno dato problemi in passato.
  2. REAZIONE ALLERGICA AL VACCINO: Le problematiche più gravi di tipo allergico sono molto rare e si manifestano quasi subito, per questo si attende almeno 15 minuti dopo la somministrazione del vaccino. Altre reazioni allergiche più lente si manifestano entro 48 ore, più spesso sono reazioni cutanee, e non hanno in genere intensità preoccupante. In caso di dubbi consultare il medico, la guardia medica, o il Pronto Soccorso, mentre se ci sono reazioni gravi (molto rare) con gonfiore della lingua o della gola o difficoltà di respiro chiamare immediatamente il 118.
  3. REAZIONI PREOCCUPANTI DOPO IL VACCINO: sono molto rare, ma in caso dovessero comparire consultare subito il proprio medico o recarsi in Pronto Soccorso:
    a. Mal di testa intenso e persistente
    b. Vertigini
    c. Disturbi visivi
    d. Difficoltà nel parlare
    e. Dolori muscolari che aumentano e peggiorano nel tempo
    f. Gonfiore di una gamba o un braccio
    g. Cambio di temperatura di una gamba o un braccio (caldo o freddo)
    h. Difficoltà a respirare
    i. Tachicardia improvvisa
    j. Petecchie
    k. Sanguinamenti atipici

Alcune informazioni sulla vaccinazione COVID

Quanto scritto di seguito vale per coloro che sono miei assistiti, in caso di dubbi o casi particolari si dovranno fare ulteriori valutazioni. In ogni caso ricordo che prima della vaccinazione c’è sempre una valutazione di un medico che prenderà in considerazione tutti i dati da voi forniti. Ogni scelta che facciamo nella vita va effettuata con coscienza e conoscenza. E’ vero che non possiamo ancora toglierci tutti i dubbi in merito a possibili rischi sui vaccini proposti, ma abbiamo avuto modo di constatare che il virus ha la potenzialità di dare problematiche molto gravi. Vi invito quindi ad informarvi e a scegliere il più consapevolmente possibile. Di seguito riporto le risposte che sono in grado di dare ad alcune domande che quotidianamente mi vengono poste. Potrebbero seguire altri aggiornamenti.

  1. DOVE VACCINARSI: Non sarà possibile, al momento, vaccinarsi presso il mio studio, ma solo presso i centri vaccinali.
  2. COME PRENOTARE IL VACCINO: ormai la vaccinazione sta diventando accessibile a tutti i cittadini dai 12 anni in su. Le informazioni su modalità e giornate di prenotazione a seconda delle fasce d’età sono qui: 
    https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/
  3. RICHIAMI VACCINALI FUTURI: è probabile che saranno indicati uno o più richiami dopo il primo ciclo di vaccinazione, ma aspettiamo ulteriori studi riguardanti la durata della protezione anticorpale, ovviamente verrà considerato l’andamento della pandemia. In ogni caso non credo ci saranno obblighi in merito, ma il richiamo sarà una libera scelta di ciascuno (per quanto raccomandata) come quella di vaccinarsi adesso.
  4. PROBLEMATICHE ALLERGICHE: chi ha avuto problemi allergici può effettuare comunque il vaccino, ma dovrà specificare a quali sostanze, alimenti o farmaci ha avuto la reazione. Il medico, in sede vaccinale, indicherà il vaccino più appropriato o eventuali indicazioni ad effettuarlo con modalità particolari (ad es. rimanendo più a lungo in attesa dopo il vaccino per verificare eventuali reazioni che potranno essere prontamente trattate dal personale medico). Solo in casi particolari, come reazioni gravi o gravissime (es. shock anafilattico da farmaci), si verrà inviati a consulenza allergologica prima della vaccinazione.
  5. PROBLEMATICHE DI CIRCOLAZIONE VENOSA: chi ha vene varicose, ha avuto trombosi o flebiti, non ha controindicazione a vaccinarsi e non risulta esserci un rischio aumentato.
  6. CHI HA AVUTO IL COVID: può vaccinarsi comunque dopo almeno 3 mesi dalla guarigione (contarli dal giorno in cui si è considerati fuori isolamento). 
  7. DOSAGGIO ANTICORPALE: Non è indicato fare il prelievo per il dosaggio degli anticorpi, quindi non posso prescriverlo, ma se si sceglie di farlo si dovrà andare autonomamente a pagamento presso un centro privato. Il motivo è che non abbiamo valori di riferimento per gli anticorpi per poter garantire se si è protetti o meno, inoltre la protezione ha altri parametri non misurabili e indipendenti dagli anticorpi. In ogni caso comunque si può effettuare la vaccinazione ed una eventuale presenza di anticorpi non rappresenta un rischio.

Il lungo cammino verso sé

Il lungo cammino verso sé
è forse il vero lavoro della vita.

Tutto il resto è contorno,
un di più e un mezzo per scoprire
che siamo qualcosa di così grande
da faticare a crederlo.

Il timore di non esserne all’altezza
e di dover essere qualcosa di diverso
è quanto di più forte si frapponga
tra la nostra piena realizzazione
e l’ordinaria distrazione.

Lasciamoci essere,
per non perdere tempo,
per guadagnare spazio e libertà,
nella ricezione e ripetizione
delle onde vitali e divine
in cui risuonano le nostre anime.

Pier Luigi Masini

CHIUSURA AMBULATORIO PER FESTIVITA’ 2 GIUGNO

In occasione della festa della Repubblica Italiana l’ambulatorio:

sarà chiuso dalle ore 13 di martedì 1 giugno (prefestivo)

sarà chiuso tutto il giorno mercoledì 2 giugno (festivo)

Negli orari di chiusura sarà attivo il servizio di guardia medica che risponde allo 0541 78 74 61. Per emergenze chiamare il 118.

Colgo l’occasione per inviare a tutti un caro saluto e augurare di passare una buona festa.

dott. Pier Luigi Masini

Vaccinazione COVID per persone nate tra il 1967 e il 1971 e personale scolastico

Nella fascia d’età 50-54 anni (anche se non ancora compiuti, quindi nati dal 1967 al 1971), e per il personale scolastico che non ha l’ancora effettuato, la vaccinazione può essere prenotata tramite il seguente link:

http://salute.regione.emilia-romagna.it/candidature-vaccinazione

Si dovrà accedere con SPID se disponibile, altrimenti inserendo i propri dati. In quest’ultimo caso è necessario inserire il numero di cellulare e premere il pulsante a fianco “Genera”, attendere il messaggio e inserire il codice ricevuto. La stessa cosa va fatta con una email.

In questo modo si verrà inseriti nella lista di persone che desiderano vaccinarsi. Non è detto che poi la vaccinazione la faremo noi medici di medicina generale (in questo caso riceveremo la lista e vi chiameremo), ma può darsi che verrete contattati per andare al centro vaccinale.

Stiamo ancora attendendo informazioni più precise in merito, comunque le vaccinazioni  per la vostra fascia d’età dovrebbero partire dal 31 maggio. Non sappiamo ancora quale tipo di vaccino verrà proposto (probabilmente Pfizer o Moderna).

dott. Pier Luigi Masini

Passaggio da incarico MMG temporaneo a definitivo (26 aprile 2021) e scelta del medico

Gentilissimi, state ricevendo una comunicazione dall’AUSL in merito alla necessità di effettuare la scelta del medico. Purtroppo quella lettera contiene alcune informazioni che confondono la maggior parte di voi e anche indicazioni sbagliate.

Dopo una mia lamentela in merito, l’AUSL invierà una nuova comunicazione ad ognuno di voi con nuove disposizioni. Ci tengo ad avvisarvi subito perché diverse persone stanno cambiando medico pensando che dal 26/04/2021 non sarò più disponibile come Medico di Medicina Generale (MMG).

In realtà da quel giorno avrò un incarico a tempo indeterminato (definitivo) e di norma avreste dovuto quindi effettuare una libera scelta. Vista la situazione critica dovuta alla pandemia e per questa comunicazione così fuorviante, è stato deciso in via del tutto eccezionale che:

I MIEI ATTUALI ASSISTITI RIMARRANNO IN CARICO SENZA EFFETTUARE LA SCELTA.

Ciò significa che: NON dovrete recarvi al CUP, NON sarà necessario compilare il modulo e NON dovrete fare nessuna operazione dal Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE).

Ovviamente resta la piena libertà di ognuno di cambiare medico, come in qualsiasi altro momento.

Colgo l’occasione per ringraziare ognuno di voi per la fiducia nei miei confronti, che spero di non tradire mai e in nessuno specifico caso. 

Si tratta di un periodo difficilissimo per tutti, per noi MMG significa lavorare a ritmi impressionanti con orari pesantissimi di lavoro, e questo ancor più per me che sto prendendo il timone di questa nuova avventura. Anche se desidero conoscervi tutti, vi prego quindi di contattarmi in questo primo periodo solo per motivi di reale necessità e che non possano essere rimandati di almeno qualche settimana.

Altra richiesta che vi faccio è di inoltrare questa comunicazione, con i mezzi in vostro possesso (ovviamente anche verbalmente) a tutti i miei assistiti che conoscete, in quanto questa email ne raggiungerà probabilmente non più di un quarto del totale.

Cordiali saluti

dott. Pier Luigi Masini

Contatti e orari

Il dott. Pier Luigi Masini dal 26 aprile 2021 è medico di Medicina Generale convenzionato col Servizio Sanitario Nazionale nel comune di Verucchio (Rimini) per l’AUSL Romagna con incarico a tempo indeterminato.


COMUNICAZIONE PER I NON ASSISTITI CHE VORREBBERO DIVENTARLO

Comunico che ad oggi 20 agosto 2021 NON SONO DISPONIBILI ulteriori posti per l’assistenza primaria, salvo alcuni posti per:

  • persone non residenti temporaneamente domiciliate in questa AUSL
  • coniuge o figli conviventi di persone già assistite

In nessun altro caso al momento (e probabilmente nemmeno nei prossimi tempi) è possibile richiedere di diventare miei assistiti, non può essere nemmeno effettuata una lista d’attesa per garantirsi un posto futuro. La gestione è comunque effettuata dall’AUSL per mezzo degli uffici CUP e quindi eventualmente è qui che ci si deve rivolgere, salvo per i familiari conviventi che devono invece avere una mia dichiarazione per potersi inserire (in questo caso è l’assistito che la richiede direttamente a me per i propri familiari).


IL DOTT. PIER LUIGI MASINI RICEVE SU APPUNTAMENTO PRESSO:

Poliambulatorio Medico (1° piano) – Piazza del Vecchio Ghetto, 6 – Villa Verucchio (RN)

ORARI DI AMBULATORIOMattinoPomeriggio
Lunedì9.30 – 12.30
Martedì9.00 – 12.3017.00 – 19.00
Mercoledì16.30 – 19.00
Giovedì9.30 – 12.30
Venerdì9.30 – 12.30

CONTATTI

Per appuntamenti non urgenti si prega di contattare la segreteria (vedi sotto).

Il dott. Masini va di norma contattato attraverso i seguenti metodi:

Negli orari di segreteria sarà la segretaria o infermiera a rispondere al telefono. Se necessario sarete ricontattati appena possibile dal medico, oppure in caso di urgenza verrà passata direttamente la chiamata. Le mail vengono invece lette direttamente dal medico.

In alternativa utilizzare il MODULO DI CONTATTO per la Medicina Generale.

In caso di URGENZA andare a questa pagina (cliccare qui).

SEGRETERIA PER APPUNTAMENTI E PRESCRIZIONI DI TERAPIE CRONICHE

Per appuntamenti contattare l’ambulatorio allo 0541 670935 preferibilmente negli orari di segreteria:

SEGRETERIA DEL POLIAMBULATORIOMattinoPomeriggio
dal lunedì al venerdì9.30 – 12.3015.30 – 19.00
Telefono: 0541 670935

Per le prescrizioni di terapie croniche utilizzare il modulo stampato con la propria terapia cronica (richiederlo al medico se non ne siete in possesso) indicando il numero di confezioni richieste a fianco di ciascun farmaco. Lasciare il modulo compilato nella cassetta della posta all’esterno, oppure a segretaria o infermiera. Entro 2 giorni lavorativi le prescrizioni saranno pronte e i farmaci ritirabili in farmacia col proprio tesserino sanitario (non serve più la ricetta cartacea se non per i farmaci a pagamento integrale – classe C, di questi ritirare la busta nell’apposito contenitore in sala d’attesa).

In caso di impossibilità a portare il modulo cartaceo:

  • preferibilmente telefonare negli orari di segreteria (vedi sopra)
  • in alternativa scrivere una mail (ma possibilmente non utilizzare di norma questo metodo) allegando in foto o scansione il modulo (o indicando nome e cognome della persona interessata, nome del farmaco e dosaggio)

NB: LE NUOVE PRESCRIZIONI (farmaci non in terapia cronica, visite specialistiche, esami) VANNO SEMPRE RICHIESTE DIRETTAMENTE AL MEDICO. PER LE PRESCRIZIONI INDICATE DA SPECIALISTI PORTARE SEMPRE IL REFERTO (ma dovrebbero essere richieste dallo specialista stesso in sede di visita).

Pasqua 2021

Credo che Pasqua sia
un modo di intendere il senso della vita
secondo cui siamo piccoli semi gettati nel mondo.

Possiamo cercare di mantenere il nostro status
restando semi inermi, chiusi e contratti,
dicendo “io sono più importante”.

Oppure possiamo lasciarci andare
al germoglio che ci aspetta,
come dono verso il mondo.

Ma il seme deve morire a se stesso
e fondersi con la terra
per rendersi frutto e nutrimento.

Tutto ciò che facciamo e tutto ciò che siamo
può essere un dono che unisce ed accoglie,
portando Vita e speranza sui nostri cammini.

Buona Pasqua

Pier Luigi Masini

In caso di URGENZA

EMERGENZE

Le emergenze sono quelle situazioni in cui è necessario un aiuto medico nel più breve tempo possibile in quanto c’è un pericolo di vita immediato. In questi casi:

CONTATTARE IL SERVIZIO DI EMERGENZA 118

URGENZE NON DIFFERIBILI

Le reali urgenze sono da considerarsi solo quelle situazioni non rimandabili di almeno qualche ora o al turno di ambulatorio successivo del proprio medico. Il medico di Medicina Generale non è sempre in grado di rispondere in modo efficace a queste situazioni, in quanto impegnato in varie attività che non glielo consentono. In questi casi:

1) CONTATTARE IL MEDICO o i colleghi di ambulatorio (vedi pagina Contatti e orari), se impossibilitati:
2) Contattare il servizio di Continuità Assistenziale (o “guardia medica”) allo 0541787461 in orari notturni (dalle 20 alle 8), il sabato e i festivi, oppure se molto urgente:
3) Recarsi presso i punti di PRONTO SOCCORSO o PRONTO INTERVENTO

URGENZE DIFFERIBILI

Sono invece urgenze differibili le condizioni e le richieste che possono essere rimandate al turno successivo di ambulatorio. Si tratta della maggior parte delle situazioni, in cui ad esempio è necessario solo un consiglio telefonico oppure una visita non proprio urgente, che di norma gestisce il medico di Medicina Generale (salvo in orari notturni, prefestivi e festivi):

Dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 20.00:

  1. Telefonare in ambulatorio negli orari di ricevimento. Se non rispondo o occupato ritentare almeno dopo qualche minuto.
  2. Scrivere una mail con oggetto “URGENTE”, che prenderò visione in via prioritaria, ricontatterò appena possibile al numero di telefono che indicherete nella mail. In alternativa utilizzare il modulo di contatto.
  3. Fuori degli orari di ambulatorio solo per urgenze si può utilizzare il cellulare (il numero può essere reperito dal centralino digitando 9, o chiedendolo a me o alla segreteria). Si prega di non utilizzare il cellulare in orari di ambulatorio.
  4. Se non è stato possibile contattarmi telefonare (0541670935) chiedendo alla segretaria/infermiera di parlare con un altro medico (o selezionando l’interno).
  5. Presentarsi nel poliambulatorio se proprio necessario, è comunque garantita la presenza di un medico nel poliambulatorio tra le 9 e le 19 dal lunedì al venerdì come previsto dal servizio H10.

NOTA BENE: NON ACCEDERE direttamente all’ambulatorio se si hanno sintomi delle vie respiratorie (tosse, fatica a respirare, mal di gola, forte raffreddore), o febbre, o altri sintomi acuti di possibile origine infettiva (vomito, diarrea, ecc.).

Negli orari notturni (dalle 20 alle 8), il sabato, nei giorni festivi e nei pomeriggi prefestivi:

Apertura ambulatorio di Medicina Generale

Dal 1° marzo 2021 ho intrapreso l’attività di medico di Medicina Generale (detto anche “medico di famiglia” o “medico di base”) nel comune di Verucchio (Rimini). L’incarico è temporaneo ma a breve diventerà definitivo (seguiranno informazioni in merito).

Continuerò anche la mia attività libero professionale e la conduzione degli incontri di gruppo del percorso Obiettivo Benessere Globale, seppur con qualche limitazione dovuta al grande impegno richiesto dall’attività di assistenza primaria in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale.

CLICCA QUI PER INFORMAZIONI RELATIVE ALLA GESTIONE DELL’ATTIVITA’ DI MEDICINA GENERALE

DarsiSalute: Parole, speranza, guarigione

Sul sito www.darsipace.it è stato pubblicato un nuovo articolo di Antonietta Valentini del gruppo DarsiSalute di cui faccio parte (vedi questa pagina per sapere di cosa si tratta).

Antonietta approfondisce il rapporto tra parola e speranza, anche riprendendo i temi e i concetti dell’interessante libro di Fabrizio Benedetti dal titolo “La speranza è un farmaco”. Questo ricercatore dimostra che, nel processo di cura e di guarigione, le parole utilizzate dal medico sono importanti almeno quanto il farmaco somministrato. Questo vale anche per il contesto di cura, la relazione tra medico e paziente, nonché altri fattori psicologici e culturali.

Pare giusto quindi chiedersi: se la relazione di cura è così importante vale davvero la pena di investirci tante risorse, invece perché ci si punta così poco?

Nella mia esperienza di medico posso dire che la relazione è davvero fondamentale per l’esito delle cure stesse. Per questo è importante avere, anche nei pochi minuti che si riescono a dedicare in alcune situazioni, un atteggiamento di ascolto, positivo ed empatico. Purtroppo non sempre noi operatori sanitari crediamo in questo, e spesso siamo freddi, distaccati, o anche (più o meno esplicitamente) pessimisti nei confronti della prognosi dei pazienti, inconsapevoli che stiamo influenzando negativamente gli eventi, se non altro per quanto riguarda l’umore, la speranza e la motivazione a curarsi e cercare di superare il proprio problema di salute.

Ma a quanto pare le parole (e con esse gli atteggiamenti) assumono il peso di un potente farmaco, interagendo realmente coi processi biologici del nostro organismo, non possiamo dimenticarcelo! E questo vale per le parole in cui crediamo, quelle che diciamo a noi stessi e agli altri.

RIAPRONO LE ISCRIZIONI al percorso Obiettivo Benessere Globale!

Chi di voi sta seguendo dal gruppo Facebook (https://www.facebook.com/groups/meditazioneonline), o ha trovato interesse in quanto propongo, è invitato ad iscriversi al percorso. Il gruppo Facebook è un buon inizio per capire le modalità e le pratiche proposte (alcuni approfondimenti sono riservati agli iscritti al percorso, non è la stessa cosa) e comunque per iniziare a curarsi con meditazione e pratiche corporee.

Sul questo sito trovate tante informazioni in merito, e in particolare alla pagina http://www.pierluigimasini.it/obiettivo-benessere-globale/ la presentazione del percorso.

Se interessati ad unirvi a questo percorso intanto iscrivetevi al gruppo Facebook e seguite qualche incontro (in diretta o registrato). Poi dalla pagina “Contatti e iscrizioni” del sito inviate la richiesta di iscrizione al percorso OBG.

Sabato 16 gennaio alle 17.30 faremo un incontro con i nuovi iscritti (invierò conferma alcuni giorni prima agli interessati), per il momento su Skype, quando sarà possibile riprenderemo gli incontri anche fisicamente.